lunedì 2 gennaio 2012

L'anno vecchio


L'anno vecchio, curvo e stanco,
avvolto nel suo manto bianco,
se n'è andato lento lento
nel suo mondo senza tempo.
S'è portato la tristezza
della guerra l'amarezza,
gli occhi grandi e così spenti
di bambini innocenti.
S'è portato l'ingiustizia,
l'oblio e l'avarizia,
che fan l'uomo indifferente
avido e prepotente.
I confini s'è portato,
ora tutto è un grande prato
dove ognuno può giocare
correre ridere e saltare;
dove il pane c'è per tutti
dove dolci sono i frutti,
dove regna gioia e pace
dove fai quel che ti piace,
nel rispetto e nell'amore
di chi t'apre sempre il cuore.











6 commenti:

  1. Marina, l'hai scritta tu?

    Mi piace molto.

    RispondiElimina
  2. @Gianna: sì sì tutte le filastrocche della serie "filastroccando" sono mie. Sono contenta che ti piaccia.

    RispondiElimina
  3. Complimenti per la filastrocca!

    RispondiElimina
  4. Una bella immagine dell'anno che se ne va.

    Buona giornata!

    Baci

    RispondiElimina
  5. bisognerebbe raccontarne di più di filastrocche???

    RispondiElimina