sabato 5 gennaio 2013

Leopardi: lettera della Befana

Beh, non è proprio il Leopardi di "Silvia rimembri ancor..."
Diciamo che a 11 anni il nostro Giacomino era alquanto birichino!
Questa è la lettera che inviò ad una Marchesa...che forse non gli risultava molto simpatica...



Carissima Signora,
giacché mi trovo in viaggio volevo fare una visita a Voi e a tutti li Signori Ragazzi della Vostra Conversazione, ma la Neve mi ha rotto le Tappe e non mi posso trattenere. Ho pensato dunque di fer­marmi un momento per fare la P...a nel vo­stro Portone, e poi tirare avanti il mio viag­gio. Bensì vi mando certe bagatelle per code­sti figlioli, acciochè siano buoni ma ditegli che se sentirò cattive relazioni di loro, que­st’altro Anno gli porterò un po’ di M....a. Veramente io voleva destinare a ognuno il suo regalo, per esempio a chi un corno, a chi un altro, ma ho temuto di dimostrare parzia­­lità, e che quello il quale avesse li corni curti invidiasse li corni lunghi.
Ho pensato dun­que di rimettere le cose alla ventura, e farete così. Dentro l’anessa cartina trovarete tanti biglietti con altrettanti Numeri. Mettete tut­ti questi biglietti dentro un Orinale, e mi­schiateli bene bene con le vostre mani. Poi ognuno pigli il suo biglietto, e veda il suo nu­mero. Poi con l’anessa chiave aprite il Baul­le. Prima di tutto ci trovarete certa cosetta da godere in comune e credo che cotesti Si­gnori la gradiranno perché sono un branco di ghiotti. Poi ci trovarete tutti li corni segna­ti col rispettivo numero. Ognuno pigli il suo, e vada in pace. Chi non è contento del Cor­no che gli tocca, faccia a baratto con li Corni delli Compagni.
Se avvanza qualche corno, lo riprenderò al mio ritorno. Un altr’Anno poi si vedrà di far di meglio.
Voi poi signora Carissima,avvertite in tut­to quest’anno di trattare bene cotesti signo­ri, non solo col Caffe che già si intende, ma ancora con Pasticci, Crostate, Cialde, Cial­doni, ed altri regali, e non siate stitica, e non vi fate pregare, perché chi vuole la conversa­zione deve allargare la mano, e se darete un Pasticcio per sera sarete meglio lodata, e la vostra Conversazione si chiamerà la Con­versazione del Pasticcio. Frattanto state alle­gri, e andate tutti dove io vi mando, e restate­ci finché non torno ghiotti, indiscreti, soma­ri scrocconi dal primo fino all’ultimo.
La Befana 
....più fanciullesca la mia filastrocca:
La Befana è buffa sai,
non lo avrei pensato mai,
io l’ho vista stamattina
che correva, poverina.
Il vestito un po’ strappato,
e lo sguardo stralunato,
sulle spalle uno sciallone
ed in testa un cappellone.
Dove andava in tutta fretta?
E’ vecchina, poveretta!
Ormai deve riposare,
stare a casa e sferruzzare.
Proprio ferma lei non sta,
su pei tetti se ne va.
Ai bimbi buoni i doni porta,
i monelli un po’ conforta.
E chi mal si è comportato
veramente è perdonato,
e se il bimbo poi promette,
nella calza i doni mette.

Anna  
 

6 commenti:

  1. decisamente peperino il nostro poeta,
    simpatico comunque, sincero e moderno, visto il comportamento dei ragazzi d'oggi. Ciao e buon ritorno a scuola...

    RispondiElimina
  2. Preferisco la tua filastrocca! Sei stanca...? Buona domenica!

    RispondiElimina
  3. Ah ah!Domani è il mio giorno libero!Mia cara sorella, non sono stanca perchè ancora giovane...tu piuttosto!

    RispondiElimina
  4. Ma davvero è Leopardi?
    Da piccolo insieme ai fratelli penso si sia divertito anche se il padre li esibiva ai notabili della città con delle gare di bravura culturale...

    Buon martedì!

    RispondiElimina
  5. Maddai! Non posso crederci, deve avere avuto grossi problemi, poi, con la crescita!

    RispondiElimina
  6. Incredibile e chi l'avrebbe mai detto?

    RispondiElimina