mercoledì 6 agosto 2008

In bici

Me ne iva bella bella
a caval della mia sella
chiacchierando e pedalando
le vacanze raccontando.
A piedi la collega mia
in bici io lungo la via,
ero contromano, è vero,
e ci cascai come un pero.
Camicia bianca, rossa la paletta
e scesi di tutta fretta:
-Prego un documento, o mia signora-
ma dovea passare proprio a quell'ora?
Le dono un bel souvenir,
-perdono- continuavo a dir;
fermo, deciso, con la testa pelata,
m'affibbiò 'na solenne fregata.
-I peli in testa io non ho,
e per solidarietà, la pelerò.
36 euri m'ha spillato,
maledetto sia codesto fato!
-Non poss'io camminare
perciò ho da pedalare:
mi duole il piede, brucia la coscia"-
gli dissi per commuoverlo poscia.
-Il codice si ha da rispettare,
e la multa è da pagare.
E così, da brava cittadina,
pagherò la multa come 'na cretina.

6 commenti:

  1. Ma stai scherzando?!? Una multa per essere andata contromano in bici?!? Io sarei sul lastrico. Ne faccio di cotte e di crude...

    Poverina!

    RispondiElimina
  2. penso che tu abbia battuto tutti i record... multa in bici!
    INCREDIBILE!!!!

    RispondiElimina
  3. ma questo non aveva niente da fare? Poi non mi si dica che non devono far casa!

    RispondiElimina
  4. Scusa, dovevo scrivere cassa!

    RispondiElimina
  5. ma questo non aveva niente da fare? Poi non mi si dica che non devono far casa!
    Ciao, Jaia

    RispondiElimina